Serie B, Pescara-Cittadella 1-2 – La Gazzetta dello Sport


La squadra di Venturato si impone con Diaw e Iori su rigore. A Legrottaglie, espulso non finale, non basta la rete del momentaneo pareggio di Zappa

Il Cittadella batte 2-1 il Pescara all’Adriatico (sesta vittoria in trasferta) e conquista i primi tre punti in palio in questa 24ª giornata di Serie B. Punti importanti in chiave Playoff, che avrebbero fatto molto comodo anche agli uomini di Legrottaglie: il Cittadella è infatti salito a 36 con Salernitana e Pordenone, mentre il Pescara, che si è appena assicurato Valeri Bojinov, è rimasto quattro punti sotto.

pari nel primo tempo—  

La gara si apre con la squadra di Venturato subito aggressiva, prima con un cross insidioso di Rosafio che Diaw non aggancia, poi – al 6′ – con l’attaccante che scappa a Bettella e di destro buca la porta di Fiorillo: 1-0 e 11° gol per Davide Diaw. La reazione del Pescara arriva al 10′, quando Zappa cerca l’affondo dalla destra, ma Paleari in uscita lo ferma. Anche a lui va decisamente meglio il secondo tentativo: al 22′ Melegoni azzecca un elegante cross sul secondo palo su cui Zappa si fa trovare pronto, incornata e pareggio. Per lui si tratta del terzo gol nelle quattro partite con Legrottaglie in panchina. Nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, brividi Cittadella con la punizione di Memushaj respinta da Paleari e con il sinistro da fuori di Branca su cui è pronto Fiorillo.

Il colpo del k.o. —  

La ripresa si apre ancora nel segno del Cittadella con una punizione al 54′ di Branca respinta dalla barriera, ci riprova lo stesso Branca e stavolta è il portiere del Pescara a evitare il peggio togliendo la palla dall’angolino. Immediata la reazione con la percussione sulla destra di Zappa che serva Bocic, alla sua prima da titolare, ma il tiro finisce in angolo. La svolta della partita arriva al 73′ l’arbitro Illuzzi assegna un rigore (giusto) per il Cittadella per il fallo di Elizaide su Diaw. Protestano gli abruzzesi, ma il direttore di gara (nonostante l’assenza del Var) non ha dubbi. Dal dischetto capitan Iori al 75′ spiazza Fiorillo e riporta i suoi in vantaggio, mandando su tutte le furie Legrottaglie che si fa anche espellere. Il Pescara tenta l’assedio finale, ma manca di concretezza. Il risultato non cambia più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *