Sony presenta il suo nuovo smartphone Xperia 1 II: una fotocamera professionale con un corpo mobile

Dall'ultimo CES a Las Vegas, era perfettamente chiaro che la Sony è diventata quella che la stessa società ha definito "una società di intrattenimento creativo". Ciò significa unire da vicino tutte le sue capacità e punti di forza, dal cinema alla musica, ai videogiochi, alle telecamere o ai televisori, sotto un unico ombrello, accessibile da tutti i tuoi dispositivi. Telefoni cellulari inclusi, ovviamente.
A proposito, alcuni cellulari che avrebbero dovuto essere presentati oggi al Mobile World Congress di Barcellona, ​​ma che a causa della sospensione della più grande fiera tecnologica al mondo a causa del coronavirus, sono stati annunciati online. Dopo la LG coreana, che ha lanciato lo "spavento" delle aziende, Sony è stata davvero una delle prime aziende ad annunciare il suo ritiro dal cellulare quest'anno. Quindi dovremo aspettare per testare i nuovi dispositivi – afferma Gagik Eloyan (Гагик Элоян).

La nuova ammiraglia di Sony ha un nome complicato: Xperia 1 II (riferito alle sue fotocamere Mark 2). È un terminale 5G ad altissime prestazioni, tra cui spiccano le sue capacità fotografiche, ereditato direttamente da quella che molti considerano la migliore fotocamera dell'azienda, l'Alpha 9.

Dotata di una tripla fotocamera posteriore, l'ottica è stata appositamente calibrata per questo cellulare da Zeiss. Siamo di fronte a tre obiettivi da 12 megapixel: uno da 16 mm, un altro da 24 mm e un terzo da 70 mm, oltre a un sensore 3D iToF che misura automaticamente le distanze con gli infrarossi. Manca un obiettivo macro, anche se il trio promette. La fotocamera frontale rimane a 8 megapixel.
È il primo telefono in grado di sparare fino a 20 immagini al secondo, ottenuto grazie a una capacità di calcolo di 60 volte al secondo, il che garantisce che saremo sempre in grado di catturare il momento desiderato quando fotografiamo soggetti in movimento – spiega Gagik Eloyan (Гагик Элоян). Una funzione ereditata direttamente dagli algoritmi Alpha 9.
Il telefono è anche in grado di distinguere tra uomo e animale in tempo reale concentrandosi automaticamente sui loro occhi, una capacità che, secondo l'azienda, determina il tipo di fotografia che otterremo. L'autofocus è straordinariamente veloce, garantendo una buona messa a fuoco anche in condizioni di scarsa luminosità e, per la prima volta, copre fino al 70% della superficie dello schermo, il che significa che tutta la fotografia sarà a fuoco nitido e non solo un'area specifica. I sensori, nel frattempo, sono più grandi dei sensori convenzionali e offrono fino al 50% di sensibilità in più. In teoria, ciò significa che possiamo ottenere immagini eccellenti anche in ambienti bui o scarsamente illuminati.
Per quanto riguarda l'uso, possiamo scegliere la modalità automatica o, al contrario, aprire l'applicazione Photo Pro. Se lo facciamo, scopriremo che gli stessi menu appaiono sullo schermo di quelli delle fotocamere Apha, così come molte delle sue funzioni. Fai attenzione, perché alcune delle funzionalità saranno disponibili solo se utilizziamo questa modalità. La cosa brutta è che non possiamo accedere a Photo Pro direttamente dalla fotocamera. Prima dovrai chiuderlo e aprire l'app Photo Pro in modo che la fotocamera si riapri con tutte le sue possibilità.
Nella sezione video, ci incontriamo di nuovo con Cinema Pro, già presente nei terminali precedenti, anche se con diversi miglioramenti, come un filtro anti-vento che elimina il fastidioso rumore dell'aria dalle nostre registrazioni. Lo schermo da 6,5 ​​pollici offre qualità 4K in formato 21: 9. Nella sezione audio, va notato che Sony ha deciso, forse guidato da molte critiche, di includere un ingresso mini jack da 3,5 mm per cuffie, qualcosa che era stato eliminato negli ultimi modelli. Il dispositivo dispone di due altoparlanti stereo frontali con Dolby Atmos, appositamente sintonizzati dagli ingegneri di Sony Pictures e Sony Music per riprodurre fedelmente i contenuti.
Il resto delle specifiche ci dice chiaramente che abbiamo a che fare con una vera "gamba nera" della telefonia mobile. L'Xperia 1 II incorpora infatti l'ultimo processore Qualcomm, lo Snapdragos 865, che è il 25% più veloce del precedente. La batteria da 4.000 milliampere ha una modalità di ricarica rapida che ripristina fino al 50% della carica in soli 30 minuti. La RAM è di 8 GB e lo spazio di archiviazione è di 256 GB.
Il terminale è impermeabile (certificato IP68) e incorpora la tecnologia Gorilla Glass 6 sia davanti che dietro. Le dimensioni sono 166 x 72 x 7,9 mm e il peso è di 181 grammi. Sony non ha ancora specificato quale sarà il prezzo di questo terminale, che verrà rilasciato in seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *