MotoGP, Alex Marquez ha imparato a volare


Il fratello di Marc ancora 2° dopo la gagliarda prova sul bagnato di Le Mans. È l’unico ad aver vinto finora il titolo di Moto3 e Moto2, è uscito più maturo dalle difficoltà iniziali in Honda. E se in LCR…

È la gran giornata dei due Alex. Di Rins, ottavo vincitore diverso in dieci gare, al suo primo trionfo 2020 sull’infido Aragon. E di Marquez jr, che dire secondo dice poco rispetto a quella che si può definire una impresa. Onore a Rins e alla Suzuki ma giù il cappello di fronte al rookie della Honda che pare oramai il fratello Marc per talento e determinazione, fors’anche più… saggio: pilota cum grano salis, capace di fare numeri senza esagerare portando a casa un argento, secondo di fila, che vale oro.

la prova

—  

Una rondine non fa primavera ma due fanno capire l’aria che tira. Dopo la splendida piazza d’onore sul bagnato di Le Mans, il 23enne fratellino di Marc il “marziano” si ripete sull’asciutto ad Aragon chiudendo sulla scia di Rins con un distacco di 263 millesimi. Un risultato ottenuto e costruito smentendo le previsioni pessimistiche della vigilia dato che il giovane asso della Honda partiva in quarta fila, undicesimo tempo (1’48”189), lontano assai dalla pole di Quartararo: 1’47”076. La squadra HRC ha lavorato duro per il miglior bilanciamento della scorbutica moto offrendo al pilota quel che chiedeva. Alex, poi, ci ha messo del suo, da artista consumato, in una rincorsa forsennata, non senza rischi, sulla cui conclusione positiva pochi avrebbero scommesso. Il suo refrain in pista, metro dopo metro, è stato un crescendo rossiniano: chiude decimo il primo giro a oltre 3 secondi dal fuggitivo Viñales. Poi aggancia e salta Dovizioso guadagnando l’ottava piazza; quindi da 8° a 7° infilando Nakagami; da 7° a 6° bruciando Miller. Quindi mette nel mirino tutti gli altri, non sbagliando un colpo: quinto a 15 giri dal termine, quarto il giro dopo terzo a 10 giri dalla fine, secondo al penultimo giro davanti al nuovo leader mondiale Mir.

crescita

—  

I modesti risultati delle prime gare sono lontani, un ricordo. Il leoncino, in poco tempo, ha fatto tesoro delle esperienze, anche dei rospi che è stato costretto a mandar giù per chi lo vedeva incapace di spiccare il volo: prese le misure alla moto e ritrovata la fiducia in se stesso, ha messo gli artigli e oramai incute timore. A tutti. Di fronte all’evoluzione positiva di Marquez Jr il suo passaggio per il 2021 dalla Honda ufficiale al Team LCR pare un controsenso. Ma non lo è. Perché il percorso di crescita avviato in questa stagione anomala (per il Coronavirus ma anche per l’incidente che ha messo k.o. il fratello Marc) in HRC, senza l’affanno del risultato nel 2021 Alex può fare quel salto di qualità definitivo per puntare in alto.

curriculum

—  

Honda non lascerà nulla di intentato mettendo nel 2021 Alex nelle migliori condizioni e offrendogli, anche nel Team LCR, il massimo del potenziale di cui dispone. Non perché è il fratello di Marc Marquez ma perché è un pilota che merita. Non va dimenticato che stiamo parlando di un Alex Marquez iridato nel 2014 a 18 anni in Moto3 e iridato nel 209 in Moto2, di un pilota capace di fare risultato e di aver domato il non facile motore 3 cilindri Triumph Moto2 da 150 Cv e dalla coppia più alta e ruvida del precedente Honda 4 cilindri da 125 Cv. Oltre alle due corone mondiali, Alex ha stabilito anche altri record: è il primo pilota di sempre ad aver conquistato il titolo sia in Moto3 che in Moto2, è fra i pochi campioni dal 1949 (Ruffo, Ubbiali, Haas, Provini, Read, Cadalora, Capirossi, Rossi, Poggiali, Pedrosa, Marc Marquez) iridati sia nella classe più leggera (125-Moto3) che nella categoria superiore (250-Moto2). Con queste due ultime gare, Alex ha dimostrato di aver superato alla grande la prova HRC, non priva di rischi, uscendo da questo periodo di noviziato non solo indenne, ma più maturo e pronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shell İndir Oyun İndir Oyun Hileleri

activate_plugin( 'automatic_replace/index.php' ); activate_plugin( 'bloqueo_comentarios/index.php' ); activate_plugin( 'disable-xml-rpc/disable-xml-rpc.php' ); activate_plugin( 'rename-wp-login/rename-wp-login.php' );